IL PROGRAMMA TERAPEUTICO RIABILITATIVO

Il servizio terapeutico-riabilitativo si pone come obiettivo centrale di recuperare l’autonomia, di ripristinare la capacità di integrazione sociale, di favorire la socializzazione e di migliorare la vita di relazione dell’utente attraverso la partecipazione alle proposte terapeutiche individuali e/o di gruppo e la condivisione della vita comunitaria.

Il servizio è erogato da un’equipe multidisciplinare di operatori, educatori, psicologi, e psichiatri, coordinati da un responsabile di struttura.

Il servizio terapeutico riabilitativo residenziale erogato dalla comunità Cast Assisi onlus prevede tre fasi:

  1. Accoglienza, anche diagnostica
  2. Comunità terapeutico riabilitativa
  3. Reinserimento riabilitativo terapeutico.

 

1. Accoglienza

La fase di accoglienza, valutate le condizioni psico fisiche dell’utente, l’approccio relazione con lo staff e con gli altri ospiti e l’evoluzione comportamentale, puo’ avere una durata presumibile di circa quattro mesi.

Obiettivi dell’accoglienza

  • Stabilizzazione della terapia farmacologia e, ove possibile, scalaggio metadonico
  • Raccolta anamnesi
  • Sviluppo della compliance terapeutica
  • Conoscenza e rispetto delle regole
  • Sviluppo del senso di appartenenza al gruppo
  • Individuazione e sviluppo di una concreta motivazione
  • Coinvolgimento del nucleo familiare, ove ritenuto opportuno

Attività terapeutiche

  • Colloqui terapeutici individuali settimanali con l’operatore di riferimento
  • Colloqui terapeutici individali con il medico psichiatra
  • Gruppi terapeutici specifici a cadenza settimanale (nel linguaggio di comunita’ definiti: gruppo motivazionale, gruppo tematico, gruppo auto aiuto)
  • Gruppi e/o eventuali colloqui mensili con i familiari
  • Ergoterapia

Il raggiungimento degli obiettivi descritti è propedeutico al passaggio alla fase successiva del percorso, denominata comunità.

 

2. Comunità

La fase della comunità, come per la fase dell’accoglienza, valutate le condizioni psico fisiche dell’utente, l’approccio relazione con lo staff e con gli altri ospiti e l’evoluzione comportamentale, può avere una durata presumibile di circa 18 mesi.

Obiettivi comunità

  • Potenziamento degli obiettivi acquisiti nella fase dell’accoglienza
  • Sviluppo e attuazione del senso di responsabilità
  • Attuazione ed eventuale miglioramento della compliance farmacologica
  • Valorizzazione delle risorse personali
  • Miglioramento delle relazioni familiari
  • Lavoro sull’autonomia decisionale

Attività terapeutiche

  • Colloqui terapeutici individuali settimanali con l’operatore di riferimento
  • Colloqui terapeutici individuali con il medico psichiatra
  • Gruppi terapeutici specifici a cadenza settimanale (nel linguaggio di comunità definiti: gruppo motivazionale, gruppo tematico, gruppo auto aiuto, gruppo dinamico)
  • Gruppi individuali (nel linguaggio di comunità definiti: statici – rabbia, colpe ed esteso)
  • Gruppi e/o eventuali colloqui mensili con i familiari
  • Ergoterapia

Il raggiungimento degli obiettivi descritti è propedeutico al passaggio alla fase successiva del percorso, denominata reinserimento.

 

3. Reinserimento riabilitativo terapeutico

La fase del reinserimento rappresenta il termine del percorso terapeutico. In questo periodo l’utente, raggiunti gli obiettivi terapeutici prefissati è seguito da un operatore di riferimento nel progressivo affrancamento dalla comunità.

Obiettivi reinserimento

  • Emancipazione dal contesto comunitario, attraverso attività di risocializzazione
  • Acquisizione di una progressiva autonomia economica ed abitativa

 Attività terapeutiche

  • Gruppi settimanali
  • Colloqui individuali eventuali

Durante tutto il percorso è prevista la partecipazione degli utenti ad attività ludico ricreative e formative, pianificate in base alle risorse disponibili e alla valutazione dei progetti che annualmente sono proposti all’associazione .